Cerca English (United States)  Italiano (Italia) Deutsch (Deutschland)  Español (España)
venerdì 23 giugno 2017 ..:: Racconti di volo vissuto... » Il volo ed i suoi insegnamenti ::.. Registrazione  Login
volare leggero in italia
 L'autore dell'articolo Riduci
Riflessioni in volo...

 Stampa   
 il volo è un insegnante efficace.. Riduci
sole e nuvole  sugli appennini

 Stampa   
 Il volo buono, quello cattivo e l'isostenibile leggerezza dell'essere.. Riduci
Un saluto a tutti......   Mi presento...
 
Mi chiamo Ermanno Cavallini, ho conseguito il brevetto di pilota civile nel lontano marzo del 1984 , da allora ho accumulato molte ore di volo ( ho smesso di contarle a 7000) nelle condizioni ambientali più diverse ( dal volo in montagna all' uso di idrovolanti in mare)  e con incarichi anche molto diversi tra cui il tecnico manutentivo, l' istruttore multi assi, il collaudatore di prototipi , l'operatore della protezione civile nell'  antincendio boschivo ed anche altri che sarebbe troppo lungo qui specificare oltre.

In questi ultimi 30 anni, ho operato sempre nel settore velivoli leggeri e poi VDS,  e vorrei oggi, inseme a voi che mi leggete, tirare le fila di una esperienza di volo che può, e forse anche deve, essere a disposizione degli altri per avere veramente un senso compiuto.


In tanti anni, poco a poco che passava la fase giovanile ed entusiastica, mi rendevo conto che il volo è anche uno strumento potentissimo, che come tutte le cose però, può essere declinato sia per il bene che per il male.


Esiste un volo assolutamente positivo, potentissimo e profondo, che è soprattutto un percorso di ricerca personale in grado di donarti una superiore visione d'insieme e di interazione delle cose.

Questo volo e' un continuo misurarsi con una natura “non addomesticata” che per quanto in genere prevedibile e assolutamente gestibile può, se non la rispetti e soprattutto se non conosci te stesso ed i tuoi limiti, mandarti al creatore in un attimo.


Questo continuo misurarsi con il “ sistema complesso cielo” può effettivamente allenare e sviluppare un certo tipo di capacità e di intuito, poi estremamente utile anche in altri settori della vita anche molto lontani dal volo.

Questo è un percorso bellissimo e un po magico, che ci “eleva”, ci cambia e ci nobilita molto e in definitiva, ci rende veramente degni del cielo che solchiamo...


Esiste poi un “ lato oscuro” del volo, che è fatto non solo di mero esibizionismo ma assai peggio di un sottile e spesso inconscio tentativo di piegare la realtà oggettiva a proprie immature esigenze interne.

Troppe volte chi è preso da questo “lato oscuro del volo” non vola soprattutto per se stesso ma per dimostrare qualcosa a qualcuno e quindi ottenere un immaginario status sociale di “Pilota” che si avvantaggia di un immaginario collettivo, diffuso in chi non ha esperienza diretta di volo, spesso assai distante dalla realtà.


In questo caso è una dimensione prevalentemente egoistica che prende il sopravvento, sporcando quella che invece avrebbe potuto essere un bellissimo percorso di progresso personale.


Chi vola in modo sano infatti lo fa soprattutto per il suo intimo percorso personale e casomai si rivolge agli altri solo per trasmettere le lezioni, spesso duramente sudate, che dal cielo ha appreso....

 

Inoltre nel volo sano si privilegia l'esperienza vissuta ed il suo livello qualitativo, mentre nel volo insano si da più importanza al senso di possesso sugli oggetti o anche ad un illusorio riconoscimento sociale che porta solo ad ulteriore illusione.

 

Naturalmente questi due aspetti perlopiù convivono dentro ogni pilota in varia misura, il problema è che spesso, per immaturità o per una non completa percezione della realtà, non sono riconosciuti come tali.

Il non riconoscere il proprio "lato oscuro" impedisce alla persona di gestirlo correttamente creando guai di varia natura.

Questo ha anche una importante ricaduta sulla reale sicurezza del volo, in quanto solo chi ha un approccio “sano” non ha “sovraccarichi inconsci” che possono essere fatali in emergenze o momenti in cui si è chiamati velocemente a prendere decisioni spesso obbiettivamente difficili.


Inoltre vorrei far riflettere su una forma di avidità che genera spesso insensate gelosie, alla base di tanti litigi tra e dentro i club di volo, tanto note quanto deleterie nell'ambiente del volo italiano e non solo...


Credo che tutti quelli che arrivano a maturare certe esperienze e conoscenze si debbano sentire il dovere di trasmetterle anche al grande pubblico , in modo che almeno qualcuno ci rifletta e contribuisca cosi ad una crescita collettiva, oggi cosi importante e necessaria in questo particolare momento storico.


Ricordando a tutti ed anche a me stesso, che non si finisce veramente mai d'imparare un saluto e un augurio di Happy Landings a tutti noi...


 Stampa   
Copyright (c)   Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy
DotNetNuke® is copyright 2002-2017 by DotNetNuke Corporation